lunedì 31 maggio 2021

L'albero con il nasone


di Anna Arietti

Potrebbe entrare a far parte dei primi dieci alberi più strani e incredibili del mondo, ma per il momento l'unica fantasia che accende è quella dei Cossatesi, in provincia di Biella (Piemonte). 

È un platano dalle dimensioni ragguardevoli, ci vogliono più persone per abbracciare l'intera circonferenza, ma non è questa la caratteristica che lo rende curioso. 

L'artista è madre natura e la base del fusto ricorda il muso di un animale, potrebbe trattarsi di un tricheco, ma anche di molto altro. 

La creatività si scatena. C'è chi dice che assomigli a un polipo, ma c'è anche chi prende le distanze, ritenendolo "inquietante". Qualcuno ci vede il naso di un ippopotamo, altri di un calamaro, forse per la forma dei rami che assomigliano a dei tentacoli. Certe volte ricorda il musetto di un coniglio. In città, in genere, lo chiamano "naso di mucca" e in effetti, a osservarlo, è riconoscibile il naso di un bovino, animale diffuso sul territorio biellese. Ma ci sarebbero anche coloro che collegano le narici dell'albero ad un'antica leggenda, secondo la quale un orso, altro animale anticamente presente sul territorio, assunse le sembianze della pianta per scampare alle grinfie di un drago. 

Una vicenda che ci rimanda alle stregua della Nessie scozzese, che da decenni ammalia circa un milione di turisti ogni anno, il che non guasterebbe neanche a Cossato. 

Il fenomeno di identificare qualcosa di familiare nella forma di un albero trova una spiegazione scientifica e si chiama pareidolia. È una sorta di illusione della nostra subcoscienza, riconducibile probabilmente alla necessità preistoriche di rintracciare un possibile predatore in natura. 

L'albero di Cossato, la cui notorietà è in crescita, si trova in piazza Croce rossa, a ridosso del giardino di Villa Ranzoni.

Anna Arietti

L'articolo è stato scritto per "La Nuova Provincia di Biella" - 26 maggio 2021

I diritti relativi ai testi, alle fotografie e ai video presenti in questo portale, ove non diversamente indicato, sono di proprietà di chi collabora con noi e degli autori stessi.

L’utilizzo di piccole parti è concesso a condizione che venga sempre citata la fonte, nome e cognome dell’autore e questo sito web. Siamo grati a coloro che ce ne daranno comunicazione.

Per informazioni o segnalazioni potete scrivere a cartabiancamedia(at)gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento